Archivio mensile:ottobre 2016

Crostata pesche e mirtilli

IMG-20161022-WA0010.jpg

La f3 con i suoi buonissimi grassi sani stimola la mia voglia di provare a realizzare dolci e altre leccornie. Ebbene si , lo ammetto, sono una golosa e pensare di potere mangiare dolci goduriosi senza ingrassare mi spinge a sperimentare in cucina. Non voglio dilungarmi troppo ,vi lascio le dosi per realizzare 6 colazioni f3.

Ingredienti per la frolla:

  • 1 cup di farina di segale
  • 1/2 cup di farina di mandorle
  • 1 uovo
  • 4 cucchiai di olio di semi
  • 4 cucchiai di xilitolo
  • 40 ml di acqua
  • scorza grattugiata di un limone
  • 1 pizzico di sale

Ingredienti per la farcia:

  • 1/2 cup di granella di nocciole
  • 2 cup di mirtilli
  • 4 pesche gialle
  • succo di un limone
  • 2 cucchiai di xilitolo
  • 4 cucchiai di acqua

Versate le farine in un contenitore capiente e farvi la fontana. Aggiungete gli altri ingredienti per la frolla e impastate velocemente. Stendete la frolla tra due fogli di carta forno e rivestite uno stampo da crostata in silicone. Distribuite sul fondo della frolla la granella di nocciole. Mettete in un pentolino i mirtilli, il succo di limone, lo xilitolo e l’acqua e fate cuocere per qualche minuto. Frullate i mirtilli e rimettete la composta sul fuoco per  5 minuti. Versate la composta sulla frolla e ricoprite con le pesche sbucciate e tagliate a fette. Cuocete la crostata in forno preriscaldato a 180° per circa 25 minuti. Sfornate e fate raffreddare completamente la crostata prima di sformarla.

Per un pasto completo integrare con verdura e proteine

 

Scarlett Klimt

 

 

 

 

 

Annunci

Gateau di batate e funghi

img-20161021-wa0023Uno dei miei piatti preferiti è il gateau di patate. I miei amici conoscono, o meglio conoscevano la mia passione per i latticini a cui ho dovuto rinunciare da quando ho iniziato il mio “percorso” con la fmd . Tra i piatti che in questi due anni e mezzo ho evitato di preparare (almeno per me) figura il gateau di patate che io preparavo con “quintali” di caciocavallo ragusano e parmigiano reggiano. Ieri sera, avendo ospiti a cena e volendo preparare qualcosa di nuovo, ho pensato di prepararne una versione fmd .Posso solo dirvi che è piaciuto a tutti .

 

. Ecco le dosi per 2 cene f3.

Ingredienti:

  • 2 batate bianche di media grandezza
  • 200 gr di funghi pleurotus
  • 1 uovo
  • 1/4 di cup di farina di ceci
  • 1/4 di cup di farina di mandorle
  • 1/4 di cup di lievito alimentare in scaglie
  • sale e pepe q.b.
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 1/2 cucchiaino di rosmarino

Ingredienti per il ripieno:

  • 150 gr di funghi misti surgelati
  • 1/8 di cup di pangrattato di orzo
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • sale e pepe q.b.
  • 1 spicchio di aglio
  • qualche fogliolina di prezzemolo

Cuocete al cartoccio a 160° le batate fino a quando diventeranno morbide( fate la prova infilzandole con una forchetta). Sbucciate le batate, tagliatele a pezzetti e mettetele in un frullatore insieme ai funghi pleurotus. Frullate alla massima potenza per circa 25 secondi. Aggiungete l’uovo, le farine, il lievito alimentare, sale e pepe e continuate a frullare per altri 20 secondi. Travasate questo composto in una ciotola.  Nel frattempo preparate il ripieno , mettendo in un padellino in pietra un cucchiaio di olio evo e lo spicchio di aglio. Fate rosolare l’aglio e aggiungete i funghi surgelati. Regolate di sale e  pepe, unite il prezzemolo tritato e fate saltare i funghi . Ungete una teglia da crostata con un cucchiaio di olio evo e cospargetela con il pangrattato. Adagiate un primo strato di gateau nello stampo e stendetelo con le mani. Per rendere più facile questa operazione vi consiglio di  inumidire le mani con l’ acqua. Distribuite sul primo strato i funghi e ricoprite con un altro strato di gateau e il cucchiaio di olio evo rimasto. Cuocere in forno preriscaldato a 220°, in modalità ventilato per circa 20 minuti.

Per un pasto completo integrare con altra verdura.

 

Scarlett Klimt

 

 

 

Cavatelli con fagioli

  • 20161011_143056.jpg

Oggi voglio proporvi un piatto adatto alle fresche giornate autunnali. Sarà perfetto sia per i vostri pranzi che per le vostre cene f1. Si tratta dei cavatelli di segale, pasta fatta in casa tipica del sud Italia, che spesso viene condita con sugo e melenzane fritte. Io ho pensato di preparare un piatto più completo, unendoli ai fagioli . Ecco le dosi per 2 pasti f1.

Ingredienti per la pasta:

  • 2/3 di farina di segale integrale
  • 50 ml circa di acqua a temperatura ambiente
  • 1 pizzico di sale

Ingredienti per la zuppa di fagioli:

  • 1 cup di fagioli borlotti
  • 3 cup di acqua
  • 1 cucchiaio di brodo granulare in polvere home made
  • 1/2 cipolla
  • 3 carote
  • 1/4 di batata bianca
  • 4 cucchiai di passata di pomodoro
  • 1 pizzico di pepe nero

Mettete la farina di segale in una ciotola, lasciandone da parte 1/8 di cup. Aggiungete il sale e versate a poco a poco l’acqua . Trasferite l’impasto su una spianatoia. Impastate a lungo , fino a che la pasta non avrà raggiunto una consistenza liscia e morbida, se dovesse risultare appiccicosa aggiungete altri 10 ml di farina  . Formate un panetto e lasciatelo riposare 30 minuti coperto da uno strofinaccio. Trascorso questo tempo dividete la pasta a pezzetti e formare dei rotolini. Tagliate delle palline di circa 1/2 cm da ogni rolino. Poggiate l’indice su una pallina ed esercitando una leggera pressione scavatelo facendolo rotolare. Proseguite allo stesso modo per gli altri cavatelli. Trasferite la pasta su un vassoio e cospargetela con la restante farina. Prima di poterli cuocere è preferibile farli seccare, proprio per questo motivo preferisco prepararli la sera precedente. Per preparare la zuppa di fagioli mettete a mollo per almeno 12 ore i fagioli, risciacquarli e scolarli. In una casseruola mettete l’acqua,  portandola a bollore, aggiungete i fagioli. Preparate  un battuto con la cipolla e pelate la batata e le carote. Tagliate a rondelle queste ultime e a tocchetti la batata e unirli ai fagioli, insieme alla passata di pomodoro , al brodo granulare e al pepe e fate cuocere per circa un’ora. Aggiungete i cavatelli e fate cuocere per circa  8 minuti, controllando la cottura con l’assaggio.

Per un pasto completo integrare con altra verdura e se decidete di preparare i cavatelli per il pranzo integrare anche con la frutta.

Scarlett Klimt

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Biscotti alla vaniglia e limone

20161007_232650-1Ogni tanto mi assale il desiderio di ritornare alla mia colazione preferita: latte e caffè e biscotti da inzuppare. Ovviamente invece di latte e caffè mi preparerò un latte vegetale macchiato con orzo e, per i biscotti ho deciso di provare a farli con la pistola sparabiscotti, regalatami per il mio compleanno. Premetto che ne possiedo altre due con cui non ho mai avuto un buon rapporto, ma ho voluto darmi un’altra chance.

Lasciando a voi il giudizio sul risultato, vi lascio le dosi per 6 colazioni f3.

Ingredienti:

  • 1 cup di farina d’orzo integrale
  • 1/2 cup di farina di mandorle
  • 1/2 di cup di farina di cocco
  • 1/4 di cup di olio di cocco
  • 120 ml di latte d’avena
  • 1/2 cucchiaino di vaniglia bio
  • 1 pizzico di sale
  • scorza grattugiata di un limone
  • 3 tuorli d’uovo
  • 2 cucchiaini di crema di nocciole
  • 6 cucchiai di xilitolo
  • 1 cucchiaio di xilitolo a velo

In un contenitore capiente mettete le farine, i 6 cucchiai di xilitolo, la vaniglia, il sale e la scorza grattugiata di un limone . Aggiungete i liquidi e i tuorli d’uovo e impastate.

Riempite la pistola sparabiscotti e adagiate i biscotti direttamente su una leccarda( senza carta forno). Chi volesse preparare i biscotti senza sparabiscotti, dovrà stendere con il mattarello l’impasto tra due fogli di carta forno , ritagliare i biscotti con le formine e adagiarli su una leccarda rivestita con carta forno. Cuocete in forno preriscaldato a 170° per circa 15 minuti. Quando i biscotti saranno dorati, sfornarteli e fateli raffreddare. Spolverateli con lo xilitolo a velo e decorateli con la crema di nocciole.

Per un pasto completo integrare con verdura ,frutta e mezza porzione di proteine

Scarlett Klimt

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torta di compleanno

IMG-20161005-WA0005[1].jpg

Oggi voglio proporvi la torta che ho preparato per il mio compleanno. Si tratta di una  classica torta di compleanno con pan di spagna, bagna alle pesche, crema pasticcera e panna di cocco, decorata con pesche e melagrana. Ecco le dosi per 7 colazioni f3,ma se leverete la frutta un pezzettino come dessert dopocena potrete concedervelo.

Ingredienti per il pan di spagna:

  • 1 cup di farina di orzo integrale
  • 1/4 di cup farina di cocco( farina, non cocco rapè)
  • 1/8 di cup farina di mandorle
  • 1/4 di cup di olio di cocco oppure di olio di semi di girasole
  • 150 ml di acqua
  • 7 albumi
  • 6 cucchiai di xilitolo
  • scorza grattugiata di un limone
  • 1/2 cucchiaino di vaniglia bio
  • 3 cucchiaini di lievito bio

Ingredienti per la crema pasticcera:

  • 3 tuorli
  • 1/6 di cup di farina di orzo integrale
  • 3 cucchiai di xilitolo
  • la punta di un cucchiaino di vaniglia
  • 1 cup e 1/2 di latte d’avena
  • 3 fogli di colla di pesce oppure 1/2 cucchiaino di agar
  • 1 cucchiaio di arrowroot

Ingredienti per la bagna :

  • 1 cup di acqua
  • 1 cucchiaio di xilitolo
  • 2 pesche gialle

Ingredienti per la copertura:

  • 1 di cup della parte densa del latte di cocco
  • 1/2 cucchiaio di xilitolo
  • 2 pesche
  • 1/4 di cup di chicchi di melagrana
  • 1 cup di mandorle a lamelle

Mettere in un recipiente capiente le farine, lo xilitolo, la vaniglia, il lievito, la scorza grattugiata del limone e l’olio. Aggiungere l’acqua e mescolare. Montare a neve ferma gli albumi e unirli al composto, mescolando con l’aiuto di una spatola delicatamente per non smontare gli albumi. Versare in una tortiera in silicone da 18 cm di diametro e cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti. Trascorsi 2o minuti, abbassare la temperatura a 160° per circa 30 minuti. Infine portare la temperatura a 140° e terminare la cottura dopo 15 minuti circa, prima di spegnere il forno effettuare la prova stecchino. Sfornare e lasciare raffreddare il pan di spagna. Nel frattempo preparare la crema, mettendo in una ciotola i tuorli e lo xilitolo. Montare i tuorli con una frusta , versarvi la farina e l’arrowroot  e mescolare con energia. In un pentolino mettere il latte e la vaniglia e portare a bollore. Versare il latte a filo sul composto di tuorli , amalgamare e rimettere sul fuoco continuando a mescolare fino a che la crema non si sia addensata. mettere i fogli di gelatina a mollo in acqua fredda per circa 10 minuti, dopo strizzarli e aggiungerli alla crema mescolando per farli sciogliere. Fare raffreddare la crema a temperatura ambiente e poi in frigorifero. In un altro pentolino preparare uno sciroppo, mettendo l’acqua e lo xilitolo. Portare a bollore e dopo aggiungere le pesche tagliate a fettine, facendole sciroppare per circa 5 minuti. Togliere le pesche e fare raffreddare . Sformare il pan di spagna ormai freddo e tagliarlo a metà, spennellandolo con lo sciroppo aromatizzato alle pesche. Farcire il primo strato con la crema e le pesche sciroppate, e ricoprire con il secondo disco.

Montare la parte densa del latte di cocco con lo xilitolo e ricoprire la torta aiutandosi con una spatola. Ricoprire il bordo laterale della torta con le mandorle a lamelle ( per questa operazione vi servirà una spatola lunga e sottile con cui andrete ad appoggiare le mandorle lungo il bordo della torta). Decorare il centro della torta con i chicchi di melagrana e intorno adagiarvi le pesche tagliate a fette.

Per un pasto completo integrare verdura e circa mezza porzione di frutta.

Scarlett Klimt