Torta alle carote e cocco alla crema di pistacchio

20170722_205611.jpg

Dopo la lunga pausa estiva, dovuta all’eccessivo caldo e agli impegni familiari, ritorno adi occuparmi del blog con una ricetta preparata circa un mese addietro, la torta carote e cocco alla crema di pistacchio. È una sofficissima e gustosa torta con le carote , con un delicato sentore di cocco. Facilissima da preparare anche se richiede una cottura prolungata in forno, tuttavia l’abbassamento della temperatura rende l’inconveniente più  facile da superare. Le dosi sono per 6 colazioni f3.

  • 6 uova
  • 4 carote
  • 3/4 di cup di farina di cocco
  • 3/4 di cup di farina d’orzo integrale
  • 1/2 cup di fiocchi d’avena frullati
  • 1/3 di cup di acqua
  • 1/3 di cup di latte d’avena
  • 1/3 di cup di xilitolo
  • 1/8 di cup di burro o crema di pistacchio
  • 1/2 cup di olio di semi di cocco
  • 1 cucchiaino da tea di bicarbonato
  • Succo e scorza di 1 limone
  • 1/8 di cup di mandorle a lamelle

Sbucciate le carote e tagliarle a pezzetti. Frullate le carote , aggiungete l’olio , le uova intere e lo xilitolo e continuate a frullare. Unite le farine, il latte , l’acqua e per ultimi la scorza di limone e il bicarbonato fatto schiuiumare con il succo del limone e mescolate con una frusta per amalgamare bene gli ingredienti. Versate il composto in uno stampo in silicone e cuocete in forno preriscaldato a 180 °per circa 35 minuti. Trascorso questo tempo abbassate la temperatura a 160° e lasciate cuocere per altri 40 minuti, coprendo eventualmente con carta forno se la superficie tendesse a scurire troppo. Prima di sfornare la torta vi consiglio di effettuare la prova stecchino per essere sicuri che la torta non sia troppo umida. Nell’eventualità in cui  fosse ancora umida, lasciarla in forno per altri 10-15 minuti. Una volta pronta, sfornare la torta e lasciarla raffreddare completamente prima di sformare Sformate la torta ,ricopritela con la  crema di pistacchio e decorate con le mandorle a lamelle.  Per una colazione completa integrare con altra verdura.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Cheesecake alla crema di cocco e gelée alla frutta f3

Non sono mai stata golosa di cibi dolci, anche se mi è sempre piaciuto prepararli. Perfino la frutta non deve essere matura, proprio perché non amo i cibi eccessivamente dolci. Le mie preferenze sono sempre state per i cibi salati, in particolare per i lievitati. Invece da circa tre anni e mezzo, quasi tutte le mie colazioni sono dolci. Soltanto la colazione dolce riesce a darmi la carica giusta per affrontare la giornata. Considerato l’eccessivo caldo di questi giorni, non avevo nessuna voglia di accendere il forno, per cui la mia scelta oscillava tra un semifreddo e una cheesecake, scelta non facile per una come me perennemente indecisa. Alla fine nella scelta ha avuto la meglio la cheesecake e devo ammettere di non esserne pentita. Ecco le dosi per due colazioni f3.

Ingredienti per la base:

  • 4 fette croccanti simil Wasa
  • 1/4 di cup di nocciole con lieve tostatura casalinga
  • 1 cucchiaio di xilitolo
  • 1 cucchiaio di olio di cocco

Ingredienti per la crema:

  • 1 cup e 1/4 di latte d’avena
  • 1/6 di farina di cocco( non cocco rapè)
  • 2 uova
  • 2 fogli di colla di pesce
  • 2 cucchiai di xilitolo
  • un pizzico di vaniglia bio

Ingredienti per la gelée:

  • 1 cup di prugne e lamponi
  • succo e scorza grattugiata di un limone
  • 3 cucchiai di acqua
  • 2 cucchiaini di xilitolo
  • 1 foglio di colla di pesce

20170715_213727.jpg

Mettete nel frullatore le fette croccanti spezzettate e le nocciole e frullate alla massima potenza fino ad ottenere un composto farinoso. Travasate  in una ciotola  e aggiungete l’olio e lo xilitolo . Riempite con il composto ottenuto il fondo di due bicchieri , compattatelo con il dorso di un cucchiaino e trasferite i bicchieri in frigorifero. Sgusciate le uova in un pentolino , unite la farina di cocco, la vaniglia e lo xilitolo e sbattete con una frusta. Aggiungete a poco a poco tutto il latte, continuando a mescolare con la frusta fino a quando la crema si addenserà. Nel frattempo mettete ad ammorbidire  in acqua fredda  i fogli di gelatina. Strizzate la gelatina e aggiungetela alla crema. Mescolate velocemente per fare sciogliere la gelatina. Versate la crema in una terrina e mettetela a raffreddare sopra una terrina più grande piena di ghiaccio. Quando la crema si sarà raffreddata, togliete i bicchieri dal frigorifero e versate la crema sulla basi delle cheesecake. Riponete i bicchieri in frigorifero per almeno 40 minuti. In un pentolino versate tutti gli ingredienti per la gelée , ad eccezione del foglio di gelatina, che metterete ad ammorbidire in una ciotola con acqua fredda. Portate la composta a bollore, allontanate dal fuoco e frullate con il minipimer. Rimettete la composta sul fuoco e unirvi la gelatina strizzata. Fate sciogliere, continuando a mescolare. Fate intiepidire a temperatura ambiente e poi in frigorifero per circa 30 minuti. Versate la gelée sulla crema e conservate in frigorifero. Per una colazione completa integrare con verdura e 1/2 porzione di frutta.

 

Scarlett klimt

 

 

20170707_223034.jpg20170707_223127.jpg

 

Dopo una giornata trascorsa al mare, si ha voglia di uno spuntino fresco e nel mio caso anche sostanzioso, per far fronte all’ insaziabile appetito che da sempre il mare riesce a scatenarmi. Quando ero bambina ( bei tempi!) , ero sottopeso e inappetente e, su consiglio del dottore, i miei genitori mi portavano tutti i giorni al mare per risvegliare il mio appetito. Non l’avessero mai fatto! Probabilmente ora, visto che non sono più inappetente dovrei evitare di andare al mare, ma non ci riesco. E  da qui l’idea di preparare per il mio ritorno dal mare, una merenda golosa e fresca, ma allo stesso tempo  appagante. Questi spuntini sono indicati per onnivori, vegetariani e vegani. Le dosi sono per 6 spuntini f3.

Ingredienti per i biscotti:

  • 1/4 di cup di farina di cocco
  • 1/4 di cup cocco rapè
  • 1/4 di cup di acqua
  • 1 cucchiaio di olio di cocco
  • 1 cucchiaio di semi di psillio( oppure di semi di chia o di lino)
  • 3 cucchiai di xilitolo
  • 1 cucchiaio e 1/2 di cacao crudo
  • 1 cucchiaino di scorza d’arancia grattugiata
  • 1 pizzico di vaniglia bio

Ingredienti per il gelato:

  • 1 avocado
  •  2 cucchiai e 1/2 di pesto di pistacchio
  • succo di 1/2 limone
  • 3 cucchiai di xilitolo
  • 2 cucchiai di latte di mandorla o di cocco

Prima di iniziare a preparare i biscotti, versate in un bicchiere i semi di psillio e ricopriteli con almeno 4 cucchiai di acqua e riponete in frigorifero per circa 1/2 ora.  Sbucciate e tagliate a tocchetti l’avocado. Mettetelo in un frullatore , insieme al succo di limone e agli altri ingredienti e frullate per circa 1 minuto alla massima velocità. Versate la crema in una vaschetta e mettete in congelatore per almeno 2 ore. Nel frattempo mettete in una terrina le farine, lo xilitolo, il gel ottenuto dai semi di psillio e tutti gli altri ingredienti. Lavorate il composto con le mani, formate una palla che spianerete tra due fogli di carta forno. Ritagliate con una formina o con un coppa pasta 12 biscotti che adagerete su una leccarda rivestita con carta forno. Cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 10 minuti. spegnere il forno e lasciarvi i biscotti per circa 5 minuti. Sfornate  i biscotti e fateli raffreddare. Prelevate il gelato dal congelatore , farcite un biscotto e ricoprite con un altro biscotto. Procedete allo stesso modo per gli altri biscotti. prima di mangiare i vostri gelato biscotto poneteli in congelatore per almeno 30 minuti.  Per uno spuntino completo basterà aggiungere la verdura.

 

 

Insalata russa

20170629_202115.jpg

Solitamente il giovedì sera è dedicato alla pubblicazione del dolce f3, ma questa volta non sarà così. Il piatto che mi accingo a condividere è un contorno classico, particolarmente adatto alla stagione estiva. L’insalata russa può diventare un delizioso piatto freddo completo, se lo accompagnerete al tonno sott’olio , ai gamberetti, o alle uova sode. Invece i vegetariani  potranno aggiungere, o le uova sode, oppure i ceci lessati. Potrete consumarla indifferentemente a pranzo, o a cena. Nel caso in cui decidiate di mangiarla al pranzo, dovrete integrare il vostro pasto con proteine e frutta, invece a cena dovrete integrare soltanto le proteine. Ecco le dosi per 2 pasti f3.

Ingredienti:

  • 5 carote
  • 200 gr di fagiolini
  • 1 zucchina
  • 1 falda di peperone rosso
  • 4 cucchiai di maionese al balsamico( potrete trovare la ricetta nella mia pagina fb)
  • sale e pepe q.b.

Sbucciate le carote e tagliatele a dadini. Tagliate a dadini pure le altre verdure. Lessate le carote fino a quando diventeranno morbide e scolarle. Fate cuocere le altre verdure in acqua bollente per circa 3 minuti, dovranno restare croccanti. Scolare le verdure e farle raffreddare. Regolate il sale e il pepe,  condite le verdure con la maionese e mescolate. conservate in frigorifero fino al momento di servirla.

 

 

Cupcake alle pesche e ai fiori di lavanda

20170527_222431.jpg

 

 

In estate i 2 giorni di f2 sono per me particolarmente difficili e, sebbene ricorra spesso alle granite di limone, il caldo mi fa avvertire prepotentemente il desiderio di frutta. Proprio per questo motivo ho pensato di prepararmi un dolce con la frutta. La settimana scorsa protagoniste del mio dolce f3 sono state le ciliegie, che come ormai molti di voi sapranno,  sono la mia frutta preferita. Oggi ho deciso di cambiare tipo di frutta e adoperare le pesche che trovo diano un sapore strepitoso alle torte e ai dolci . Ecco i cupcake alle pesche che allieteranno le mie 3 colazioni f3 e spero che possano farlo anche con le vostre.

Ingredienti:

  • 2 uova
  • 1/4 di cup di cocco rapè
  • 1/4 di cup di farina di noci
  • 1/2 cup di farina di segale
  • 4 pesche
  • 100 ml di acqua ( o se preferite latte vegetale)
  • 3 cucchiai di olio di cocco
  • 3 cucchiai di xilitolo
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • succo di 1/2 limone
  • 1 pizzico di vaniglia
  • 1 cucchiaino di scorza d’arancia essiccata e frullata
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di fiori di lavanda

 

Mettete le uova in una terrina insieme allo xilitolo e al sale e montate con una frusta elettrica. Tagliate una pesca a cubetti e le altre 3 a fettine. Aggiungete tutti gli altri ingredienti, ad eccezione delle pesche tagliate a fettine ,del bicarbonato e del succo di limone e mescolate  . In un bicchiere fate schiumare il bicarbonato con il succo di limone e unitelo all’impasto. Mescolate con energia e versate in 12 pirottini . Ricoprite i dolci con le fette di pesche e fate cuocere in forno preriscaldato a 170 ° in modalità ventilato per circa 30 minuti. Prima di sfornare effettuare la prova stecchino. Sfornate e fate raffreddare. Per un pasto completo integrare con verdura e se volete anche con  1/3 di proteine.

 

 

 

Torta alle noci con crema di cocco e ciliegie f3

20170513_074752.jpg

Le bellissime e ricche colazioni tipiche di questa fase mi appagano e mi rendono più euforica. D’altra parte iniziare la giornata con qualcosa di dolce ci aiuta ad affrontare con più sprint la quotidianità. I miei dolci preferiti sono le torte, da quelle semplici come la torta di mele o di altra frutta, a quelle più ” particolari” come la torta di manioca . La torta che ho preparato in questa f3 è una torta a base di noci, buona anche senza nessuna farcitura e perfetta da inzuppare in una tazza di orzo macchiato. Ecco le dosi per 6 colazioni.

Ingredienti per la torta:

  • 1 cup di fiocchi d’avena frullati
  • 1 cup di farina di noci
  • 1/4 di cup di olio di semi di girasole
  • 3 uova
  • 1/4 di cup di latte d’avena
  • 1/2 cup di xilitolo
  • la punta di un cucchiaino di vaniglia
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • succo di 1/2 limone
  • 1/2 cucchiaino di cannella

Ingredienti per la crema:

  • 1 cup e 1/2 di latte di mandorla (  il latte di mandorla va considerata come quantità libera concessa , 1/4 di cup al giorno)
  • 2 cucchiai di xilitolo
  • 1 baccello di vaniglia
  • 1/4 di cup di farina d’orzo integrale o di tapioca
  • 1/4 di cup di cocco rapè

Per decorare la torta:

2 cup di ciliegie

 

Mettete in un capiente terrina le uova e lo xilitolo e montatele con una frusta elettrica. Aggiungete l’olio e il latte continuando a montare il composto. Unite gli altri ingredienti, mettendo per ultimi il bicarbonato e il succo di limone, dopo averli fatti schiumare. Mescolate e versate il composto in una tortiera in silicone da 20 cm. Cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 35/40 minuti, prima di sfornare effettuate la prova stecchino. Sfornate e fate raffreddare Nel frattempo preparate la crema, mettendo a riscaldare in un pentolino il latte con il baccello di vaniglia aperto in due, raschiandone prima i semini. Mettete le farine e lo xilitolo in una ciotolina e versatevi a filo il latte dopo averlo filtrato per eliminare il baccello e mescolate. Travasate nello stesso pentolino del latte e rimettete sul fuoco. Fate addensare la crema continuando a mescolare. Spegnete il fuoco e fate raffreddare completamente la crema . Versate la crema ormai fredda sulla torta alle noci e decorate con le ciliegie.

Per un pasto completo integrare con verdura e circa 1/2 porzione di frutta

 

ScarlettKlimt

 

 

 

 

 

 

 

Torta alle pesche e ciliegie

20170519_074920.jpg

Il mio dolce preferito è sempre stato la torta di mele e vederne realizzata una bellissima versione dall’amica di fb Viviana mi ha fatto venire voglia di prepararla, ma non essendo consentite le mele in f3, ho dovuto farmene una ragione. E’ vero, avrei potuto prepararne una versione f1, già fatto 3 anni fa, ma per quanto fosse buona , l’assenza dei grassi non la rendeva perfetta. Per nulla rassegnata ho pensato di realizzare una torta semplice e casalinga come la torta di mele della mia infanzia, ma usando frutta consentita in questa fase.  Ecco le dosi per 7 colazioni.

Ingredienti:

  • 1 cup e 1/2 di fiocchi d’avena frullati
  • 1 cup di cocco rapé
  • 1/2 cup di farina di mandorle
  • 180 ml di latte d’avena
  • 1/4 di cup di olio di semi di girasole
  • 4 uova
  • 6 cucchiai  e 1 cucchiaino di xilitolo
  • 1 cucchiaino di cannella
  • un pizzico di vaniglia bio
  • scorza grattugiata di un limone
  • 1 cucchiaino di scorza essiccata e frullata d’arancia
  • 5 pesche
  • 1 cup di ciliegie
  • succo di un limone
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • xilitolo a velo per spolverare la torta

Sbucciate le pesche e tagliatene 4 a fette sottili e una a cubetti, irrorandole con il succo di 1/2 limone. Cospargete la frutta con 1 cucchiaino di xilitolo.

In un ampio contenitore mettete le uova e 6 cucchiai di xilitolo e montatele con una frusta elettrica fino a quando diventeranno chiare e spumose. Aggiungete l’olio, i fiocchi d’avena frullati e le altre farine continuando a montare. Unite il latte , la cannella, la vaniglia , le scorze degli agrumi , la pesca tagliata a cubetti e  le ciliegie denocciolate e mescolate il composto. Per ultimo aggiungete il bicarbonato fatto schiumare con il succo del mezzo limone rimasto ,mescolando con un cucchiaio. Versate l’impasto in una tortiera rivestita con carta forno e distribuitevi sulla superficie le fettine di pesche. Cuocete in forno preriscaldato a 170° per circa un’ora. Trascorso questo tempo alzate la temperatura a 180° e lasciate cuocere per altri 10 minuti. Prima di sfornare effettuate la prova stecchino. Sfornate e fate raffreddare completamente prima di sformare la torta. Una volta fredda cospargete la torta con xilitolo a velo.

 

Scarlett Klimt

Cupcake alle zucchine e cocco f3

20170430_083733.jpg

 

I giorni di festa volgono al termine e per rientrare nei ranghi senza rinunciare a qualche piccola coccola, ho deciso di prepararmi una golosa colazione, si tratta di cupcake  alle zucchine. Immagino che qualcuno arriccerà il naso, superate la diffidenza e provate a prepararli, non ne resterete delusi. Con le dosi che vi indicherò otterrete 12 cupcake da suddividere per 6 colazioni. Invece, se amate i dolci da inzuppo, potrete gustarli senza il topping, in questo caso dovrete calcolare 3 colazioni.

Ingredienti:

  • 1/4 di cup di farina di mandorle
  • 1/4 di cup di cocco rapè
  • 1/4 di cup di farina di semi di lino (ottenuta frullando i semi di lino)
  • 3/4 di cup di fiocchi d’avena frullati
  • 3 uova
  • 3/4 di cup di latte d’avena
  • 1/4 di cup di acqua
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 1 cucchiaino di scorza essiccata e frullata d’arancia
  • la punta di un cucchiaino di vaniglia bio
  • 1 cup e 1/4 di zucchine grattugiate finemente
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 3 cucchiai e 1/2 di xilitolo
  • succo di 1/2 limone

Ingredienti per il topping:

  • 1/2 cup della parte densa del latte di cocco in lattina(  in frigorifero da almeno 24 ore)
  • 2 cucchiaini di xilitolo
  • 2 cucchiai di crema di mandorle bianche ( senza pellicina)

Versate in un contenitore capiente le farine e le essenze. Aggiungete le zucchine tritate, le uova, il latte, l’acqua e il bicarbonato fatto schiumare con il succo del limone. Mescolate energicamente e versate nei pirottini. Cuocete in forno preriscaldato a 180° per 15 minuti, poi abbassate la temperatura a 170° e fate cuocere per altri 10 minuti. Prima di sfornare i cupcake effettuate la prova stecchino. Sfornate e fate raffreddare. Mettete in un contenitore la parte densa del latte di cocco e i 2 cucchiaini di xilitolo e montate con una frusta elettrica. Unite alla “panna di cocco” i 2 cucchiai di crema di mandorle e continuate a montare. Mettete la crema ottenuta in una tasca da pasticcere e decorate i cupcake. Decorate con frutta prevista nella fase. Per un pasto completo integrate 1/2 porzione di proteine, 1/2 porzione di cereali, frutta e verdura.

 

Scarlett Klimt

 

 

Cestinetti fantasia f3/f4

20170409_215036

Alcuni giorni addietro, dopo aver preparato come dolce domenicale i cestinetti alla crema( non fmd ) per il marito goloso e ” allergico” a tutto ciò che abbia una parvenza di dietetico, ho avuto l’idea di preparare dei cestinetti adatti alla fase 3. Avrei voluto preparare i dolcetti con i lamponi e i mirtilli, ma non  riuscendo a trovare  lamponi quantomeno accettabili, ho optato per le fragole . I cestinetti con le fragole sono soltanto per la f4, gli altri due gusti per la f3. Ecco le dosi per ottenere 18 mignon per 6 colazioni e 1/2 . La mezza porzione potrete gustarla come dessert dopocena , non mangiando granaglie e dimezzando i grassi previsti in quel pasto

Ingredienti per la frolla:

  • 1 cup e 1/4 di fiocchi d’avena frullati (150 gr)
  • 1 uovo
  • 6 cucchiai di olio di semi di girasole
  • 1/4 di cup di farina di quinoa ( 34 gr) – sostituibili con altra farina concessa in fase
  • scorza grattugiata di un limone
  • un pizzico di vaniglia bio
  • 1 cucchiaino di lievito bio
  • 3 cucchiai di xilitolo

Ingredienti per i cestinetti alla panna:

  • 2 cucchiai di panna di cocco ( parte densa del latte di cocco in lattina, messo a refrigerare per almeno 24 ore in frigorifero)
  • 2 cucchiaini di xilitolo
  • 1/2 cup di mirtilli

Ingredienti per i cestinetti alla crema:

  • 2 tuorli
  • 1 cup di latte di mandorle (240 ml)
  • 2 cucchiai di arrowroot ( sostituibili con 2 cucchiai di farina o amido di tapioca)
  • 2 cucchiai di xilitolo
  • 1 baccello di vaniglia
  • 1 cucchiaio di panna di cocco
  • 6 fragole

Ingredienti per i cestinetti con glassa al cacao:

  • 1/3 di cup di latte di cocco in lattina a temperatura ambiente (80 ml)
  • 80 ml di acqua
  • 3 cucchiai di cacao crudo
  • 5 cucchiai di xilitolo
  • 2 fogli di colla di pesce oppure 4 gr di agar agar
  • 1 cucchiaio e 1/2 di crema di nocciole
  • 1/2 cucchiaio di mandorle a lamelle

 

Preparate le crema pasticcera , versando in un pentolino il latte e il baccello di vaniglia ,dopo averlo tagliato in due e averne raschiati i semini. Portate a  bollore e filtrate il latte. Nel frattempo  mettete in una terrina i tuorli e lo xilitolo e sbattete con una frusta. Aggiungete l’arrowroot , continuate a mescolare e versatevi a filo il latte, sempre mescolando. Travasate il composto in un pentolino e portate a bollore. Fate addensare la crema senza smettere di mescolare. Spegnere e lasciare raffreddare a temperatura ambiente. Quando si sarà raffreddata, unite la panna di cocco e mescolate.

Per preparare la glassa al cacao, mettete la colla di pesce a bagno in acqua fredda e in una pentola tutti gli ingredienti per la glassa e portare a bollore, mescolando. Lasciate bollire per circa 5 minuti o se avete un termometro da cucina, fino a quando la temperatura avrà superato i 100°. Spegnete e lasciate raffreddare ( dovrà arrivare a 7o°), quindi strizzate la colla di pesce e aggiungetela alla glassa, mescolando velocemente per farla sciogliere e non inglobare troppa aria. Fate raffreddare a temperatura ambiente e aggiungete la crema di nocciole e amalgamate il tutto. Conservate   in frigorifero  ( è preferibile prepararla il giorno prima).

 

Per la farcitura alla panna di cocco, è sufficiente unire alla parte densa del latte di cocco 2 cucchiaini di xilitolo e mescolare. Conservate in frigorifero.

Preparate la frolla mettendo in un contenitore capiente l’olio e l’uovo e mescolate . Aggiungete a poco a poco, continuando a mescolare, i fiocchi d’avena e la farina di quinoa. Unite tutti gli altri ingredienti e impastate. Formate una palla, avvolgetela con la pellicola e riponetela in frigorifero per circa 30 minuti. Trascorso questo tempo, prendete la frolla e spianatela tra due fogli di carta forno.  Ritagliate con l’ausilio di una formina o di un coppapasta da 7 cm 18 dischetti. Riponete i dischetti nei pirottini di carta, sollevando i bordi della frolla. Coprite ogni cestinetto con pirottini più piccoli e adagiatevi una manciata di fagioli . Cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 15 minuti o fino a doratura . Togliete i pirottini più piccoli e i legumi e rimettete in forno per altri 5 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare. Mettete la crema pasticcera in una sac a poche usa e getta e farcite i dolcetti, decorando con le fragole. Procedete allo stesso modo per la glassa al cacao e decorate con mandorle a lamelle. Infine farcite i restanti dolci con la panna di cocco e decorate con i mirtilli. Per un pasto completo integrare con verdura, 1/2 porzione di proteine e 3/4 di porzione di frutta.

 

Scarlett Klimt

 

 

 

Grissini di manioca

20170325_193935.jpg

20170325_194345.jpg

Finalmente riesco a condividere questa gustosissima ricetta. Come già anticipato si tratta dei grissini con la manioca, perfetti per gli spuntini f3, ma gli amanti della colazione salata possono mangiarli pure a colazione. Questi grissini sono leggermente croccanti appena sfornati, ma tendono con il passare del tempo a diventare morbidi,  questo tuttavia non ne pregiudica il sapore. Hanno un elevato potere saziante, già dopo averne mangiati due vi sentirete appagati. Ecco le dosi per circa 10 grissini da suddividere in 2 spuntini f3.  Ovviamente potrete raddoppiare o triplicare le dosi per riuscire a coprire ancora più spuntini

Ingredienti:

  • !60 gr di manioca lessata
  • 25 ml di acqua
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 1 cucchiaio di semi misti per panificazione ( girasole, lino, papavero)
  • 1/4 di cup di farina di cocco ( non cocco rapè) o di farina di mandorle
  • 1/2 cup di farina di ceci
  • 1 pizzico di sale
  • 1 pizzico di sale
  • 2 cucchiaini da te di paprika dolce
  • 2 cucchiaini da te di cumino
  • 1 albume o 1 cucchiaio di salsa tamari (per i vegani)

Mettete la manioca tagliata a cubetti e lessata in un robot e frullate fino ad ottenere una purea. Travasate in un contenitore e riponete in congelatore per almeno trenta minuti. Questa operazione renderà la manioca meno appiccicosa e più facilmente lavorabile. Dopo avere tolta la purea di manioca dal congelatore, aggiungervi tutti gli altri ingredienti in polvere. Unite l’olio e amalgamate servendovi di un cucchiaio. Infine aggiungete l’acqua e impastate velocemente . Formate 10 palline che farete rotolare con il palmo delle mani, formando dei  bastoncini. Rotolate i bastoncini sui semini e adagiateli su una leccarda rivestita con carta forno. Spennellate i grissini con l’albume o con la salsa tamari. cuocete in forno preriscaldato a 200° per circa 10-15 minuti o fino a quando saranno perfettamente dorati. Per uno spuntino completo aggiungete la verdura. Se invece li voleste mangiare a colazione, dovrete integrare frutta, verdura e cereali.

 

Scarlett Klimt