Archivi categoria: spuntino

20170707_223034.jpg20170707_223127.jpg

 

Dopo una giornata trascorsa al mare, si ha voglia di uno spuntino fresco e nel mio caso anche sostanzioso, per far fronte all’ insaziabile appetito che da sempre il mare riesce a scatenarmi. Quando ero bambina ( bei tempi!) , ero sottopeso e inappetente e, su consiglio del dottore, i miei genitori mi portavano tutti i giorni al mare per risvegliare il mio appetito. Non l’avessero mai fatto! Probabilmente ora, visto che non sono più inappetente dovrei evitare di andare al mare, ma non ci riesco. E  da qui l’idea di preparare per il mio ritorno dal mare, una merenda golosa e fresca, ma allo stesso tempo  appagante. Questi spuntini sono indicati per onnivori, vegetariani e vegani. Le dosi sono per 6 spuntini f3.

Ingredienti per i biscotti:

  • 1/4 di cup di farina di cocco
  • 1/4 di cup cocco rapè
  • 1/4 di cup di acqua
  • 1 cucchiaio di olio di cocco
  • 1 cucchiaio di semi di psillio( oppure di semi di chia o di lino)
  • 3 cucchiai di xilitolo
  • 1 cucchiaio e 1/2 di cacao crudo
  • 1 cucchiaino di scorza d’arancia grattugiata
  • 1 pizzico di vaniglia bio

Ingredienti per il gelato:

  • 1 avocado
  •  2 cucchiai e 1/2 di pesto di pistacchio
  • succo di 1/2 limone
  • 3 cucchiai di xilitolo
  • 2 cucchiai di latte di mandorla o di cocco

Prima di iniziare a preparare i biscotti, versate in un bicchiere i semi di psillio e ricopriteli con almeno 4 cucchiai di acqua e riponete in frigorifero per circa 1/2 ora.  Sbucciate e tagliate a tocchetti l’avocado. Mettetelo in un frullatore , insieme al succo di limone e agli altri ingredienti e frullate per circa 1 minuto alla massima velocità. Versate la crema in una vaschetta e mettete in congelatore per almeno 2 ore. Nel frattempo mettete in una terrina le farine, lo xilitolo, il gel ottenuto dai semi di psillio e tutti gli altri ingredienti. Lavorate il composto con le mani, formate una palla che spianerete tra due fogli di carta forno. Ritagliate con una formina o con un coppa pasta 12 biscotti che adagerete su una leccarda rivestita con carta forno. Cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 10 minuti. spegnere il forno e lasciarvi i biscotti per circa 5 minuti. Sfornate  i biscotti e fateli raffreddare. Prelevate il gelato dal congelatore , farcite un biscotto e ricoprite con un altro biscotto. Procedete allo stesso modo per gli altri biscotti. prima di mangiare i vostri gelato biscotto poneteli in congelatore per almeno 30 minuti.  Per uno spuntino completo basterà aggiungere la verdura.

 

 

Annunci

Grissini di manioca

20170325_193935.jpg

20170325_194345.jpg

Finalmente riesco a condividere questa gustosissima ricetta. Come già anticipato si tratta dei grissini con la manioca, perfetti per gli spuntini f3, ma gli amanti della colazione salata possono mangiarli pure a colazione. Questi grissini sono leggermente croccanti appena sfornati, ma tendono con il passare del tempo a diventare morbidi,  questo tuttavia non ne pregiudica il sapore. Hanno un elevato potere saziante, già dopo averne mangiati due vi sentirete appagati. Ecco le dosi per circa 10 grissini da suddividere in 2 spuntini f3.  Ovviamente potrete raddoppiare o triplicare le dosi per riuscire a coprire ancora più spuntini

Ingredienti:

  • !60 gr di manioca lessata
  • 25 ml di acqua
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 1 cucchiaio di semi misti per panificazione ( girasole, lino, papavero)
  • 1/4 di cup di farina di cocco ( non cocco rapè) o di farina di mandorle
  • 1/2 cup di farina di ceci
  • 1 pizzico di sale
  • 1 pizzico di sale
  • 2 cucchiaini da te di paprika dolce
  • 2 cucchiaini da te di cumino
  • 1 albume o 1 cucchiaio di salsa tamari (per i vegani)

Mettete la manioca tagliata a cubetti e lessata in un robot e frullate fino ad ottenere una purea. Travasate in un contenitore e riponete in congelatore per almeno trenta minuti. Questa operazione renderà la manioca meno appiccicosa e più facilmente lavorabile. Dopo avere tolta la purea di manioca dal congelatore, aggiungervi tutti gli altri ingredienti in polvere. Unite l’olio e amalgamate servendovi di un cucchiaio. Infine aggiungete l’acqua e impastate velocemente . Formate 10 palline che farete rotolare con il palmo delle mani, formando dei  bastoncini. Rotolate i bastoncini sui semini e adagiateli su una leccarda rivestita con carta forno. Spennellate i grissini con l’albume o con la salsa tamari. cuocete in forno preriscaldato a 200° per circa 10-15 minuti o fino a quando saranno perfettamente dorati. Per uno spuntino completo aggiungete la verdura. Se invece li voleste mangiare a colazione, dovrete integrare frutta, verdura e cereali.

 

Scarlett Klimt

 

 

Torta al cocco con crema di mandorle f3

20170311_193401

 

Qualche giorno addietro fb mi faceva ricordare di una delle mie prime ricette fmd, datata 9 marzo 2014, dopo pochi giorni avrei completato il mio primo ciclo fmd con ottimi risultati e volevo premiarmi con un dolce super goloso. Essendo alle prime armi postai gli ingredienti in grammi e non in cup e decorai con le fragole, frutta non prevista in f3. Oggi voglio riproporvi la stessa ricetta con qualche aggiustamento. Potrete gustare questa torta a colazione o come dessert di fine pranzo domenicale, dimezzando una porzione di dolce e i grassi sani del pasto e se non aggiungerete la frutta anche negli spuntini, essendo completamente priva di cereali. Ecco le dosi per 9 colazioni, oppure togliendo la frutta per 3 colazioni e 6 spuntini.

Ingredienti per la base:

  • 1 cup di cocco rapè
  • 1/2 cup di farina di cocco
  • 3 uova
  • 5 cucchiai di xilitolo
  • 1 cup e 1/2 di latte di cocco o di mandorla ( 1/4 al giorno è concesso come porzione libera)
  • 1 cucchiaio di crema di mandorle (potrete trovare la ricetta nella mia pagina fb)
  • 1/2 cucchiaino di cannella
  • 1 cucchiaino di scorza essiccata e frullata d’arancia
  • 1 pizzico di vaniglia bio
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • succo di 1/2 limone

Ingredienti per la farcitura/ decorazione:

  • 1/4 di cup della parte densa del latte di cocco
  • 1 cucchiaino di xilitolo
  • 2 cucchiai di crema di mandorle
  • 1/4 di cup di  granella di nocciole
  • 1 cup e 1/2 di lamponi e mirtilli ( soltanto a colazione )

 

Mettete in un ampia terrina le uova ,lo xilitolo e  montate con una frusta elettrica fino a quando otterrete un composto gonfio e chiaro. Aggiungete le farine, il sale , la vaniglia, la cannella e la scorza d’arancia e mescolate delicatamente con una spatola. Unite il latte di cocco e la crema di mandorle e continuate a mescolare. Infine aggiungete il bicarbonato e il succo del limone ( da spremere sopra al bicarbonato ) e fate schiumare. Mescolate velocemente e versate in una tortiera da  in silicone oppure rivestita con carta forno. Cuocete in forno preriscaldato a 180 ° per i primi 20 minuti e poi abbassate a 160° e continuate a cuocere per altri 40 minuti. Trascorso questo tempo sfornate e fate raffreddare completamente prima di sformare la torta. Montate con una frusta la parte densa del latte di cocco con un cucchiaino di xilitolo. Ricoprite la torta con un velo di “panna di cocco” e spalmate sulla torta la crema di mandorle .Coprite i bordi del dolce con la granella di nocciole  e decorate con la frutta.   Conservate  la torta in frigorifero fino al momento di servirla.

Per un pasto completo integrare con cereali ( soltanto a colazione), verdura , 2/3 di proteine ( agli spuntini non è necessario) e frutta (soltanto a colazione).

 

Scarlett Klimt

 

 

 

 

Halva parfait ai pistacchi e arancia

20170303_225644.jpgHo pensato di realizzare questo dolce dopo aver visto la bellissima foto di un’amica di uno dei gruppi facebook. Esistono tante versioni di questo dolce, diffuso nei paesi dell’est Europa e in Medio oriente. La versione che ho deciso di adattare alla Fmd è quella preparata in Israele. E’ un dolce dal gusto deciso e aromatico, ricco di grassi sani che potrete gustare a colazione o agli spuntini e perché no dimezzando la porzione e i grassi del vostro pasto anche come dopo pasto .Vi lascio le dosi per 3 colazioni e 4 spuntini.

Ingredienti:

  • 1 cup di latte di cocco(parte densa)
  • 4 cucchiai colmi di salsa Tahina
  • 1/4 di cup acqua
  • 1/4 di cup di latte di cocco
  • 1/4 di cup di pistacchi frullati grossolanamente
  • 7 cucchiai di xilitolo
  • 5 semi di cardamomo
  • succo di un limone
  • la punta di un cucchiaino di vaniglia bio
  • 1 cucchiaino di scorza essiccata e frullata di un’arancia

Ingredienti per la glassa al cacao:

  • 3 cucchiaini di cacao amaro
  • 6 cucchiaini di xilitolo
  • poca acqua bollente

 

Mettete in un pentolino l’ acqua, 5 cucchiai di xilitolo, i semi di cardamomo e il succo di limone.Mescolate e fate bollire fino a quando si formeranno delle bolle dense e collose. Riscaldate la tahina e mettetela in una terrina. Versatevi lo sciroppo, togliendo i semi di cardamomo e mescolate per amalgamare il composto. Aggiungete il latte di cocco, la vaniglia , la scorza d’arancia e i pistacchi. . Con un frusta elettrica montate la parte densa del latte di cocco insieme a 2 cucchiai di xilitolo. Unite la” panna di cocco ” al composto a base di tahina e mescolate con delicatezza per non smontare la panna. Versate la crema in uno stampo da plumcake in silicone e mettete in congelatore per circa 4 ore. Nel frattempo preparate il topping, mettendo in una tazzina il cacao e lo xilitolo . Versate a poco a poco l’acqua bollente , mescolate per sciogliere i grumi della glassa al cacao. Fate raffreddare  e addensare in frigorifero. Trascorso questo tempo, servite glassando con la cioccolata. Per un pasto completo integrare con verdura agli spuntini e per colazione con verdura, cereali e frutta.

 

Scarlett Klimt

 

 

 

 

 

 

 

 

Praline Raffaello f3

20170212_165020.jpg

Qualche giorno addietro, vedendo il link di una ricetta della torta Raffaello, ho pensato di realizzare delle praline simili al famoso cioccolatino. Ovviamente non saranno uguali, ma tenendo conto che non tutti gli ingredienti per realizzare i Raffaello  sono consentiti in fmd, queste praline sono un ottimo compromesso. Con le dosi  che indicherò di seguito è possibile realizzare 8 praline che potrete degustare per ben 4 spuntini . Tuttavia, se voleste mangiarle a chiusura di un pasto principale, vi  basterà dimezzarne i grassi sani e la quantità di praline .

Ingredienti per le praline:

  • 3 cucchiai di olio di cocco
  • 1 cucchiaio della parte densa del latte di cocco
  • 1/2 cup di cocco rapè
  • 2 cucchiai di xilitolo
  • 1 cucchiaio e 1/2 di crema di mandorle

Mettete in un pentolino l’olio di cocco e fatelo sciogliere. Aggiungete all’olio di cocco 1/4 cup di cocco rapè, 1 cucchiaio di crema di mandorle( potrete trovare la ricetta nella mia pagina fb), un cucchiaio di latte di cocco( parte densa) e lo xilitolo e mescolate per amalgamare il tutto. Lasciate sciogliere a fiamma bassa per circa 2 minuti e fate intiepidire. Versate la crema in un recipiente ermetico e mettete a solidificare in frigorifero per qualche ora. Quando il composto si sarà rassodato, riprendetelo e formate delle palline della grandezza di una noce. Create un incavo al centro e inserite un pochino di crema di mandorle rimasta e richiudetelo, formando una pallina. Procedete allo stesso modo con le altre praline. Versate in un piattino il restante cocco rapè e rotolarvi le palline al cocco. Conservate le praline in frigorifero fino al momento di consumarle. Per un pasto completo integrare con verdura.

ScarlettKlimt

 

Gelato al cioccolato f2

2016-06-18 10.28.04.png

 Chi mi segue su facebook ormai avrà capito che la f2 è il mio personale nemico, soprattutto quando il caldo si fà sentire. Per sconfiggere il fastidio generato da pasti sempre uguali e dalla grande quantità di proteine a colazione, oggi ho deciso di proporvi un gelato perfetto per questa fase. Potrete gustarlo in qualsiasi momento della giornata, ma io vi indicherò le dosi per 1 colazione e  1 spuntino.

  • 1 cucchiaio colmo di cacao amaro
  • 4 cucchiai di xilitolo
  • 4 albumi
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cup di acqua
  • 80 ml di acqua

Mettere in un bicchiere il cacao insieme ad un cucchiaio di xilitolo e versarvi a filo 80 ml di acqua bollente. Mescolare per fare sciogliere i grumi e mettere in frigo per circa un’ora.

Preparare uno sciroppo mettendo in un pentolino 1 cup di acqua e 3 cucchiai di xilitolo.Portare a bollore, facendo cuocere lo sciroppo fino a che non si siano formate delle grosse bolle. Spegnere e fare intiepidire

Montare gli albumi con un pizzico di sale e versarvi a filo lo sciroppo ormai tiepido, continuando a montare. Aggiungere la cioccolata fmd e continuare a montare con la frusta elettrica.

Versare il composto in una gelatiera e mantecare per circa 30 minuti. Per chi non avesse la gelatiera travasare il composto in un contenitore e riporre in congelatore per circa 3 ore, avendo l’accortezza di mantecare ogni 30 minuti. Togliere dal congelatore circa 20 minuti prima di mangiarlo.

Per un pasto completo integrare con sole verdure.

Scarlett Klimt

Pastine alle nocciole f3

2016-06-11_19.45.26[1].png

Oggi ho pensato di proporvi una ricetta molto facile da preparare, perfetta per uno snack veloce fuori casa da condividere anche con gli amici. Vi lascio la ricetta di queste pastine alla nocciola, ideali come spuntino ma adattabili anche per la colazione. Ecco le dosi per prepare 8 spuntini

  • 4 albumi
  • 3/4 di cup di nocciole
  • 1/4 di cup di cocco rapè
  • buccia grattugiata di 1 limone
  • 1 cucchiaino di buccia di arancia essiccata e frullata
  • 1 puntina di vaniglia bio
  • 1 pizzico di sale
  • zenzerio grattugiato

Riscaldare in forno le nocciole per qualche minuto in modo da tostarle leggermente e frullarle fino ad ottenere una farina. Mettere in una ciotola gli albumi insieme ad un pizzico di sale e montare a neve ferma.

Aggiungere agli albumi il cocco rapè, la farina di nocciole e tutti gli altri ingredienti, mescolando con delicatezza dal basso verso alto per non smontare gli albumi.

Rivestire una leccarda con carta forno e versare l’impasto in una sac a poche con beccuccio a stella. Formare sulla leccarda le pastine e cuocere in forno preriscaldato a 180° per 10 minuti. Passato questo tempo abbassare a 160° e cuocere per altri 10 minuti.Sfornare e lasciare raffreddare. Si tratta di uno snack completo, che potrete accompagnare a vostro piacere con delle verdure.

Scarlett Klimt

Plumcake al cavolo rosso f2

Screenshot_2016-01-13-15-36-14-1[1].png

So benissimo che la f2 è difficile per tutti, motivo per cui cerco sempre di impegnarmi al massimo nel trovare soluzioni che la possano rendere più gradevole. La mia proposta di oggi è un plumcake di cavolo rosso, glassato con cioccolata fmd. Vi lascio le dosi per preparare 2 colazioni. Chi volesse usarlo per gli spuntini potrebbe facilmente ridurre le porzioni.

  • 1/2 cavolo rosso
  • 1 stecca di cannella
  • 1 bacca di vaniglia
  • 1 anice stellato
  • 3 cucchiai di orzo in polvere
  • 2 cucchiai di cacao
  • 1 cucchiaio di farina di carrube
  • 1 cucchiaino di vaniglia bio
  • buccia grattugiata di 1 arancia
  • buccia grattugiata di 1 limone
  • 6 albumi
  • 1 pizzico di sale
  • 1 pizzico di pepe
  • 2 cucchiaini di cannella in polvere
  • la punta di 1 cucchiaino di bicarbonato
  • succo di 1/2 limone
  • 5 cucchiai di xilitolo

Tagliare il cavolo rosso a pezzetti, farlo cuocere in abbondante acqua bollente, insieme alla stecca di cannella, la bacca di vaniglia e l’anice stellato. Scolarlo bene e lasciare raffreddare. Frullarlo e aggiungere orzo in polvere, la farina di carrube, il cacao, la vaniglia, la buccia grattugiata degli agrumi, sale, pepe e cannella e amalgamare. Montare a neve gli albumi con un pizzico di sale e aggiungerli al composto, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto. Rivestire uno stampo per plumcake con carta forno (in alternativa usare uno stampo in silicone) e travasarvi il composto. Livellarlo e cuocere in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti. Passato questo tempo abbassare la temperatura a 160° e cuocere per altri 25 minuti. una volta sfornato e fatto raffreddare glassare con cioccolata fmd(2 cucchiai di cacao amaro, 1 cucchiaio di xilitolo, acqua bollente). Questa ricetta non necessita di nessuna integrazione, ma vi consiglio di gustarvela accompagnata da una tazza di orzo.

Scarlett Klimt

Crema di tofu f2

Screenshot_2015-10-29-23-33-27-1[1]

Per aiutarvi nei difficili giorni di f2 ho pronta per voi una nuova ricetta! Si tratta della crema di tofu al cacao variegata al cioccolato fmd, molto facile da preparare e perfetta per chi non riesce a rinunciare alla colazione dolce, nemmeno in f2. Vi lascio le dosi per preparare 2 colazioni e 4 spuntini f2:

  • 300 gr di tofu al naturale
  • 200 gr di tofu silk
  • 2 cucchiai di cacao amaro
  • buccia grattugiata di 1 limone
  • 2 cucchiai di acqua
  • 9 cucchiaini di truvia
  • cioccolata fmd

Lessare il tofu naturale tagliato a cubetti per circa 10 minuti, scolare e metterlo nel robot, insieme al tofu silk e a tutti gli altri ingredienti esclusa la cioccolata fmd. Frullare alla massima velocità per circa 20 secondi. Mescolare con una spatola e frullare nuovamente per altri 12 secondi. Mettere la crema in un pentolino e portare a bollore, continuando a mescolare. Fare raffreddare a temperatura ambiente, versarla in delle coppette e riporre in frigo. Io ho scelto di prepararla la sera per avere la colazione già pronta appena sveglia, cosa che vi consiglio. Appena prima di mangiarla variegare con cioccolata fmd. Per un pasto completo integrare con verdure.

Naturalmente questa ricetta è indirizzata a vegetariani e vegani e a coloro che, avendo fatto più cicli completi vogliano introdurre dei nuovi alimenti, controllando che non causino rallentamenti di peso, cosa che nel mio caso non è avvenuta. Suggerirei di provare ad introdurre il tofu, controllando la reazione del proprio metabolismo.

Scarlett Klimt

Barrette f2

Screenshot_2015-10-07-22-00-14-1[1]

Si, avete letto bene, si tratta proprio da barrette f2. Ho pronta per voi un altro trucco per superare indenni la f2. Questa ricetta è solo per vegetariani o per chi, avendo fatto tanti cicli corretti, voglia introdurre qualche nuovo alimento. Personalmente ho avuto modo di constatare che il tofu non rallenta in nessun modo la mia perdita di peso. Scoprirete che queste barrette molto facili da preparare e ideali per un veloce spuntino. Le dosi che troverete sono per 2 colazioni e 4 spuntini:

  • 300 gr di tofu al naturale
  • 3 albumi
  • 1 cucchiaio di cacao amaro
  • 1 cucchiaio di orzo in polvere
  • 2 cucchiaini di misto spezie(cannella, chiodi di garofano, zenzero e noce moscata)
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 11 cucchiaini di truvia
  • 2 cucchiaini di cacao amaro per decorare

Tagliare il tofu a cubetti e farlo bollire per circa 10 minuti. Ancora caldo metterlo nel frullatore insieme a tutti gli altri ingredienti. Frullare per 25 secondi alla massima velocità. Travasare in uno stampo da plum cake rivestito da carta forno o in stampini rettangolari più piccoli. Cuocere in forno preriscaldato a 180° per 15 minuti, assicurandosi che si sia formata una crosticina dorata. Spolverare con il cacao amaro per renderle più gustose. Per un pasto completo integrare con verdure.

Scarlett Klimt